User research – Raccolta dati utente

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

user research

L’user research si dedica alla raccolta dei dati necessari a capire chi sono i nostri utenti e i loro bisogni.
Alcuni strumenti di ricerca quali indagini, interviste o gruppi di discussione sono più adatti per la raccolta di informazioni sugli atteggiamenti
generali e le percezioni degli utenti. Scoprire, ad esempio, cosa gli utenti stanno facendo quando utilizzano una particolare funzione del prodotto.

Altri strumenti di ricerca, come i test sull’utente sono più appropriati alla comprensione specifica del loro comportamento e l’interazione con il
prodotto. In generale, più tempo si spende con ogni singolo utente, maggiori sono le informazioni che si ottengono da questa user research.

Indagini contestuali contextual inquiry

Le indagini contestuali (contextual inquiry) si riferiscono ad un insieme di strumenti e motodi potenti e completi atti a comprendere gli utenti nel contesto della loro vita quotidiana (da qui il nome).

Queste tecniche, indispensabili nella user research, sono derivate dai metodi utilizzati dagli antropologi per studiare culture e società, applicato su una scala più piccola.
L’unico inconveniente è che le indagini contestuali possono essere molto lunghe e costose. Se si hanno le risorse e il problema richiede una profonda comprensione degli utenti, uno studio in piena regola può rivelare sottigliezze sul comportamento degli utenti che non possono essere scoperte attraverso altri metodi.

Un esempio di un metodo strettamente legato alle indagini contestuali è la task analysis (letteralmente “analisi del compito”).

L’idea che sta alla base della task analysis è che l’interazione di ogni utente con un prodotto avviene nel contesto di un certo compito che l’utente stesso esegue. A volte il compito è molto focalizzato (come l’acquisto di biglietti per il cinema) e qualche volte è più ampio (ad esempio imparare a conoscere normative del commercio internazionale).

La task analysis è un metodo usato per esaminare più da vicino le tappe precise che gli utenti attraversano nella realizzazione di tali compiti.
Questo esame può essere fatto sia attraverso interviste, grazie alle quali l’utente racconta storie sulle loro esperienze o attraverso l’osservazione diretta sul campo, studiandoli nel loro habitat naturale.

User testing

L’user testing è la forma più comunemente impiegata per la user research. L’user testing non testa gli utenti ma testa il prodotto (il sito in questo caso) attraverso gli utenti.
Prende anche il nome di test di usabilità, metodo di valutazione di prodotti e servizi digitali basato sul coinvolgimento degli utenti.

Il test utente lascia l’ultima parola alle persone le quali attraverso l’utilizzo reale del prodotto individueranno le criticità del sito (interfaccia o
altro).
I test di usabilità possono essere svolti in qualsiasi fase dello sviluppo del prodotto:
• con un prodotto finito
• con un prodotto in fase di re-design per eliminare eventuali problemi di usabilità prima del lancio
• con un prototipo grezzo del prodotto finito
• con un prodotto da testare in fase di “work in progress

Svolgere test durante la fase di progettazione permette al team di design di individuare le criticità prima del rilascio finale. L’obiettivo del test è proprio questo: individuare in anticipo i problemi nell’utilizzo dello strumento evitando di incappare in costose modifiche da apportare dopo il rilascio. Il tutto si basa quindi su un concetto molto semplice e familiare: prevenire è meglio che curare!

Di solito i test di usabilità sono condotti usando metodi di registrazione che riprendono sia quello che succede nell’interfaccia sia le espressioni
dell’utente. Esistono diversi software più o meno costosi che permettono di registrare le sessioni di test.

Quanti utenti occorrono per un buon test di usabilità? Jakob Nielsen afferma che con soli 5 utenti è possibile intercettare l’80% delle criticità di un interfaccia ma molto dipende dal tipo di progetto, dagli obiettivi e non ultimo dal budget a disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *