Spazio bianco in Web Design

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

 

spazio bianco web design

Lo spazio bianco (o spazio negativo o whitespace) è lo spazio vuoto (non necessariamente bianco) posto fra i diversi elementi grafici, conferendo ordine, proporzione e armonia alla composizione.

È quello spazio che separa visivamente box, paragrafi, immagini e così via, dando respiro ed equilibrio al progetto grafico, nonché chiarezza visiva e leggibilità.

Macro spazi e micro spazi.

I macro spazi si formano fra gli elementi principali del progetto grafico ma anche lo spazio esterno, ossia i margini in un impaginato o il padding in un sito web. È strettamente collegato al concetto di minimalismo e quindi di design pulito e senza fronzoli inutili. L’utilizzo di tanto spazio bianco all’interno delle campagne pubblicitarie di un’azienda infatti è tipico di tutti quei marchi che vogliono trasmettere al cliente eleganza e pulizia.

I micro spazi si riferiscono alle piccole spaziature tra i titoli, i paragrafi, le parole e le singole lettere che le compongono. Viene immediato comprendere come l’utilizzo del “micro spazio bianco” sia alla base della leggibilità di un testo che sia stampato o in una pagina web e che comprenda al suo interno diversi elementi grafici.

Con un giusto utilizzo dello spazio bianco all’interno di un layout si può:

  • Valorizzare determinati elementi grazie ai macro spazi
  • Migliorare la leggibilità di un testo grazie ai micro spazi
  • Alleggerire la struttura del layout garantendo una migliore esperienza all’utente o al cliente
  • Evitare la costruzione di una pagina troppo densa e pesante

webdesignledger>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *