Cosa si intende per user experience UX

Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

Ux user experience

L’ user experience (abbreviato in UX) secondo Jacob Nielsen, considerato uno dei guru dell’usabilità assieme a Donald Norman, è la sommatoria delle emozioni, delle percezioni e delle reazioni che una persona prova quando entra in contatto con un prodotto o un servizio.

L’ user experience è definita anche secondo lo standard 9241- 210 come al grado di aderenza soggettiva tra aspettative e soddisfazione nell’interazione con un sistema, sia esso fisico (come una macchina per il caffè) o digitale (come l’acquisto online).

La creazione di una UX efficace è chiamata user-centered-design (UCD) in quanto in tutta la fase di sviluppo di un prodotto vengono tenute in considerazione le esigenze degli utenti, cercando di prevedere come userà il prodotto finale, ma anche di verificare e validare i loro assunti considerando il comportamento.

L’UCD mira, quindi, a ottimizzare il prodotto intorno ai bisogni e desideri degli utenti in riferimento al suo uso, piuttosto che forzarli a cambiare il loro comportamento per accogliere il prodotto (come le tecnologie per i diversamente abili).

Il processo è stato definito anche da alcune norme ISO, come la 13407, Human-centered design process.
Diverse fonti descrivono processi leggermente diversi, ma guidati dalla stessa filosofia: fondare il progetto sulle esigenze degli utenti dalla definizione delle strategie alla realizzazione del visual del prodotto.

 

User experience: eccezione alla regola “La forma segue la funzione”

Quando si pensa alla progettazione di un oggetto lo si fa in termini di:

Estetica
Un prodotto ben progettato non solo deve essere gradevole agli occhi ma anche al tatto.

Funzionalità
Un prodotto ben progettato, fa quello che promette di fare, diversamente si avranno dei fallimenti di progettazione: le forbici che non tagliano anche se le lame sono taglienti, una penna che non scrive anche se è piena di inchiostro, ecc.

Progettare prodotti con un’esperienza utente (con una ux user experience efficace) significa guardare al di là della funzionalità e dell’estetica.
Coloro che si occupano dello sviluppo, di quella parte strettamente legata a costruire e perfezionare le caratteristiche tecniche, non pensano in termini di design, che saranno dettati dalla sua funzionalità (la forma segue la funzione!).

In questa fase, tutto rimane in qualche modo nascosto alla vista dell’utente finale, ma nel momento in cui entra in contatto con delle specifiche parti del prodotto (come un’interfaccia utente, un label, un bottone, un’etichetta, ecc…) la forma corretta non risulta dettata dalla funzionalità, ma è determinata dalla psiche e dal comportamento degli utenti stessi.

Per esempio, in una macchina del caffè:
il design estetico ci assicura che un pulsante abbia una forma accattivante.
il design funzionale ci assicura che una volta schiacciato, il pulsante svolga quella specifica azione.
l’user experience design ci assicura che l’aspetto estetico e funzionale di quel pulsante lavori nel giusto contesto secondo quello che l’utente vuole cercare di realizzare con la macchina del caffè.

La UX user experience si porrà alcune domande per quel pulsante:
“Il pulsante è troppo piccolo per una funzione così importante?”, “Il pulsante si trova nel posto giusto?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *